.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

15 luglio 2004

Freudiana [1]

Sono una ragazzina di dodici o tredici anni. Come ogni mattina, mi preparo per la scuola. La cartella è già pronta perché sono giudiziosa, ma controllo che ci sia anche il quaderno nuovo di matematica. Scendo in cucina a fare colazione. Mangio una fetta di pane imburrato e bevo un sorso di latte che non mi piace granché. Mentre esco di casa, ripasso mentalmente la lezione di storia. Suono il campanello di Paola e insieme ci avviamo. Risaliamo viale Cesare Battisti e svoltiamo a sinistra lungo Via della Repubblica. Sono quasi le otto e la strada è già piena di vita. Molti negozi sono aperti e uomini, donne, impiegati e operai si affrettano al lavoro in fabbrica. Cammino chiacchierando del più e del meno, quando mi assale un senso di ansia che, passo dopo passo, si trasforma in angoscia. Lo so che anche questa volta sta per accadere, ma non voglio guardare. Non voglio e resisto, ma poi, ineluttabilmente, di fronte al negozio di frutta e verdura di zia Zelandina, l’impulso a sapere è così violento che non posso arrestarlo. Mi guardo i piedi e la rivelazione, benché temuta, è sconvolgente: i piedi non ci sono più. Al loro posto si agitano delle zampe dalle unghie rapaci.




permalink | inviato da il 15/7/2004 alle 22:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        agosto