.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
626906visite.

16 settembre 2004

Il suono dello Shofàr a Rosh-ha-shanà.

 

 Rosh ha-shanà, il Capodanno ebraico, è la solennità che santifica il giudizio divino e si celebra il primo e il secondo giorno del mese di Tishrì. E’ Yom ha Din ovvero il giorno del giudizio, e dà inizio a dieci giorni di penitenza che si concludono con Yom Kippur, il giorno dell’Espiazione. In questo giorno di Capodanno, Dio fa sfilare davanti al suo trono tutta quanta l’umanità e giudica uomini e donne soppesandone le azioni, buone e cattive,  compiute nel corso dell’anno appena concluso.

Secondo i Rabbini, a Rosh-ha-shanà nei cieli si aprono i libri delle azioni umane. Un augurio in questo giorno è “Possa tu essere iscritto e confermato per un buon anno

 

Rosh ha-shanà è caratterizzato dal suono dello shofàr, il corno del montone che è l’unico strumento musicale biblico che ha attraversato indenne tutte le vicissitudini della Diaspora. Secondo gli studiosi, lo shofàr richiama il sacrificio di Isacco: quando Abramo sta per sacrificare il proprio figlio, Dio lo ferma indicandogli un montone che è rimasto impigliato con le proprie corna in un cespuglio lì vicino. Ecco, quel montone è l’olocausto che Abramo deve offrire e così Isacco è salvo.

 

Anticamente, come ritroviamo in alcuni passi biblici, lo shofàr accompagnava l’ascesa di Elohim al cielo, il Signore sale al suono dello shofar, chiamava i soldati in guerra, annunciava una festa.

 

Nell’epoca moderna, secondo l’interpretazione più tradizionale, il suono dello shofar ha tre compiti fondamentali.

 

  1. ispira nell’uomo umiltà e pentimento;
  2. cerca di attirare l’attenzione di Dio per ricordargli di essere misericordioso;
  3. cerca di opporsi alle forze malefiche, in particolare a Satana che, al suo suono, si spaventa.

 

Lo shofàr è generalmente curvo perché sta a simboleggiare l’uomo chino che umilmente chiede perdono a Dio.




permalink | inviato da il 16/9/2004 alle 15:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre