.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

19 ottobre 2004

Sogni che si disperdono.

                              

Mi sveglio all’alba con una, due, tre voci sbiadite che sussurrano parole confuse.

Incomprensibili come la scena che sfuma dietro il velo della ritrovata consapevolezza.

Cerco di resistere alla sua luce che invade prepotente i confini del sonno e alzo deboli muraglie in difesa di ormai fragili frammenti di vita notturna.

Lotto per non disperderli, mi tengo aggrappata alla loro esile eco, ma la realtà ha il sopravvento e a niente serve prolungare la finzione.

E’ inutile rimandare il primo battito di ciglia.

Ormai sono sveglia, qui nel mio letto e le forme, che si stagliano nel grigio del primo mattino, non sono quelle che qualche attimo fa si agitavano in me.

Tento ancora, rincorro l’ultimo brandello fugace, uno squarcio nel velo impietoso, ma non colgo che ombre senza volto, mute e perdute per sempre.

 

Ormai irraggiungibili, lasciano una traccia di sé in quel vago sentir malinconico che accompagna le mie ore del giorno.

 




permalink | inviato da il 19/10/2004 alle 18:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre