.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
626824visite.

29 novembre 2004

Nebbia e pioggia.

                                 

Pomeriggio di fine Novembre con la nebbia spessa che avvolge la casa. E’ calata improvvisamente come un sipario bianco a nascondere le cose. Pochissime ombre si affrettano nella strada e i rumori si acquietano.

Un pomeriggio che trascorre pigro e solitario senza l’urgenza che spinge ad andare, a fare. Così le ore si dipanano lente, quasi indugiano e sembrano dilatarsi. Anche i gesti consueti, oggi, hanno un ritmo diverso, più leggero e piacevole.

Eppure al di là dei vetri della finestra, la giornata è carica di malinconia: la nebbia si è sciolta nella pioggia che ora cade insistente e silenziosa. Ma non importa, la mia tranquilla disposizione d’animo,veramente insolita, supera anche i crucci del tempo. Anzi, la nebbia e la pioggia assecondano questa voglia di perdermi nelle mie attività predilette.

Leggo, ascolto in po’ di musica, sgranocchio qualche dolcetto, mi lancio all’inseguimento di Alessandro Magno tra le pianure riarse dal sole e le montagne sconvolte dai ghiacci. La sua storia è affascinante, una vita breve che ha incantato il mondo.

Ma, senza volerlo, l’occhio sfiora il pacco di temi  appoggiato sul tavolino. Per un attimo sono colta dall’immancabile riflesso dell’insegnante responsabile e tamburina.. La mano corre subito alla penna rossa, rimane sospesa per qualche secondo e, infine, si ritrae.

Questo pomeriggio, che è sbucato fuori come un regalo inatteso, è tutto per me.

Torno con gioiosa decisione a gettarmi sulle orme del Macedone che è lì, a Siwa, al tempio di Ammone, a ricevere “ rivelazioni  segrete e ineffabili”.


 




permalink | inviato da il 29/11/2004 alle 21:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre