.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
626885visite.

6 dicembre 2004

Quattro passi per l'Esquilino.

                                                   

Roma, sabato mattina. Sotto la leggera pioggerellina che cade tenace da più di un’ora, al riparo di un ombrello di fortuna striminzito e sbilenco comprato per tre euro dall’ambulante all’angolo di Piazza Vittorio, Marco e io ci aggiriamo nel quartiere dell’Esquilino tra i negozi cinesi di abbigliamento. Sono vuoti, nessun cliente che guarda, che prova, che compra. Gli abiti sono appesi sulle rastrelliere o indossati da alcuni smunti manichini, ma, sebbene sgargianti nei loro colori, sembrano dei pesci senza vita.

A mano a mano che ci avviciniamo al mercato coperto, i cinesi si mescolano agli altri extracomunitari in una esplosione multietnica di suoni, di voci, di colori, di odori.  

Sulla porta d’ingresso, accovacciata sui talloni vicino allo stipite, c’è un’adolescente dai tratti zingari. Capelli lunghi neri, occhi lucidi nel bel  volto dalla carnagione scura.  Litiga con un giovane marocchino che è dietro il primo banco del pesce. Il ragazzo, per la verità, la sta prendendo in giro perché, con la mano distesa da più di un’ora a chiedere l’elemosina, non ha raccolto che cinquanta centesimi. Anche l’ultimo passante le ha dato uno sguardo distratto senza lasciarle niente. Il giovane  sembra proprio divertito e le dice che non deve aspettarsi molto di più

“ In fin dei conti ”  continua in modo arrogante “ sei una zingara! Ma che vuoi?”

 Improvvisa come una saetta giunge la risposta della ragazza

“ E tu sei solo un marocchino!” accompagnata da uno sputo di disprezzo.

Allungo i miei pochi centesimi nel suo palmo aperto e mi allontano tra i banchi di frutta e verdura, mentre alle mie spalle le loro voci non smettono di battagliare.

 




permalink | inviato da il 6/12/2004 alle 17:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio