.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

20 dicembre 2004

Per dirti t'amo.

                                       

Avrei voluto dedicarti una canzone
con le parole della televisione
tutti quei fiori e quei discorsi complicati
che al cine fanno nei locali raffinati.
Ma mi sembra di commettere un reato
perché per dirti che sono innamorato
perché per dirti cosa penso in fondo al cuore
non c'è motivo che mi finga un grande attore.
Per dirti t'amo, amo te, bastava solo che guardassi intorno a me
per dirti ti vorrei sposare, è giusto dirlo, dirlo in modo naturale.
Non voglio chiuderti in nessun mondo fatato
e non ho voglia di tornare nel passato
io so, potremmo avere il mondo nelle mani
se siamo forti e fiduciosi nel domani.
Avremo un posto dove andare a lavorare
e avremo figli da allevare e da curare
e tanto amore tanta gente come noi
e avremo un mondo, un mondo nuovo intorno a noi.
Per dirti t'amo, amo te, bastava solo che guardassi intorno a me
per dirti ti vorrei sposare, è giusto dirlo, dirlo in modo naturale.
La vera vita non si alleva in una serra,
chiedo il tuo amore, che è nutrito dalla terra,
perché è cresciuto con la pioggia e con il sole
e sa capire anche queste mie parole.
Per dirti t'amo, amo te, bastava solo che guardassi intorno a me
per dirti ti vorrei sposare, è giusto dirlo, dirlo in modo naturale.



Pierangelo Bertoli è stato uno splendido uomo che ha affrontato a muso duro l’asprezza dell’esistenza, ma non ha mai rinunciato a coglierne la dolcezza. Nelle sue canzoni ha parlato della sofferenza, dell’ingiustizia, dell’incertezza della vita, ma anche dell’amore e della speranza. Lo ricordo a spasso per le strade della città, da solo o in compagnia della moglie  e dei figli, su quella sedia a rotelle che lo portava ovunque. Sotto i portici, tra le amate viuzze di Rocca dove ritrovava tutto se stesso, lungo Viale della Pace.Per alcuni anni siamo stati vicini di casa e, sebbene non lo conoscessi personalmente, la sua figura mi era familiare. Passava sotto le mie finestre e qualche verso di una sua canzone si librava magicamente nell’aria.


Amo tutte le sue canzoni che raccontano la vita rivelandola in tutta la sua magnifica e terribile bellezza.


Mi è difficile scegliere tra Eppure soffia, C’era un tempo, La bala, Rocca blues e tutte le altre, ma le parole di Per dirti t’amo mi regalano un’emozione struggente che non svanisce con il tacere della musica. S’aggrappano al cuore.






permalink | inviato da il 20/12/2004 alle 23:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio