.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

8 gennaio 2005

Ricordi che affiorano.


Amo da sempre le terre bagnate dai fiumi: sono nata e ho vissuto a lungo in un piccolo paese aggrappato alla riva sinistra del Serchio, assai caro a Giuseppe Ungaretti, ho studiato a Pisa dove l’Arno si avvicina al mare, ora abito a pochi passi dal Secchia che più in là si getta nel Po.

Il fiume alimenta la vita, dà vigore ai pensieri, smussa le scontrosità, rende più dolce il cammino. Sostare sulle sue rive e guardare scorrere le acque mi infonde una lenta serenità nell’animo che si allarga senza fine in cerchi concentrici. Allora i battiti del mio cuore sono scanditi dal rumore monotono e continuo di quella corsa tra i ciotoli. Quando le acque sgorgano impetuose tra i sassi, quando trovano ostacoli tra le strettoie delle gole, provo un sentimento eccitato di fronte al rivelarsi di quella forza che avanza. Se la piena si fa pericolosa, cresce un moto di paura, ma l’amore per il fiume rimane.

Ricordo i bagni gelati nelle pozze della Lima, nei mesi estivi della mia infanzia. Erano vere prove di coraggio che facevamo a gara tra noi e, quando riaffioravamo, la pelle era talmente rabbrividita che il sole di agosto non riusciva a scaldarci del tutto. Ma ci divertivamo e trascorrevamo sul fiume gran parte delle ore pomeridiane. Tornavamo a casa con i capelli ancora fradici e i vestiti un po’ sbrindellati.
Un giorno, risalendo lungo il viottolo, volli  prendere la scorciatoia sulla scarpata di ghiaia e mi ritrovai in una situazione ridicola. Aggrappata mani e piedi a radici che spuntavano tra i sassi, non avevo più la forza di salire e, d’altra parte, non volevo tornare indietro, facendo una pessima figura con tutti gli altri del gruppo. In particolare, con quel ragazzino nuovo che mi sembrava molto simpatico. Mi imposi di resistere, di non guardare giù verso il fiume che mi stava dando un senso di vertigine e, passo dopo passo, arrancai fino alla sommità. Ricordo ancora che il sollievo di essere sana e salva fu straordinario e che le gambe mi tremavano come fragili foglie. La sorpresa si rivelò quando, cercando di pulirmi alla meglio, vidi che i jeans erano sdruciti all’altezza del ginocchio destro. Che fare? Senz’altro mia madre se ne sarebbe accorta e non avrebbe smesso più di lamentarsi che sembravo, anzi ero, un maschiaccio!

A distanza di un’eternità, penso che non avesse tutti i torti. Da piccola detestavo bambole, gonne, giochi da bambina e preferivo di gran lunga scorrazzare fuori all’aria aperta, girare in bicicletta in comodi pantaloni e scarpe da ginnastica, giocare a tennis, correre a perdifiato

D’estate, non trascorrevo un’ora più del necessario in casa e, solo quando il buio della sera mi costringeva a rientrare, mi acquietavo. Leggevo qualche pagina di un libro, soprattutto le storie di Tommy River, il cow-boy generoso di Mino Milani, di cui sono stata follemente innamorata per anni.

Quei volumi rilegati, insieme a I ragazzi della Via Pal, a Cuore e a qualche raccolta di fiabe e racconti, fanno ancora bella mostra di sé su un ripiano della libreria della casa in Toscana. Testimoni di un’età diversa, forse non del tutto felice – ma chi può dire di essere felice senza un forse a mitigarne la certezza? -  che riaffiora sempre più spesso dal passato e dà vita a ricordi che a lungo apparivano sbiaditi e invece hanno ancora una loro forza indomita.




permalink | inviato da il 8/1/2005 alle 17:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio