.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

10 aprile 2005

Lenin il Rosso. quarta parte

Nei giorni successivi, Pisolo perse ogni entusiasmo. Non usciva quasi mai di casa e si limitava a qualche breve escursione tra le aiuole del giardino familiare.

Ma un pomeriggio di maggio, mentre osservava vagamente la strada appoggiato sul davanzale della finestra del primo piano, vide un gatto estraneo alla via. Avanzava zoppicando e sembrava smarrito, fuori luogo con quel suo pelo bianco sporco. Pisolo corse al piano terra, saltò dalla finestra aperta del salotto e scavalcò agilmente il muretto sotto l’inferriata.

Il gatto bianco era sul marciapiede opposto e, accorgendosi immediatamente di lui, inarcò la groppa e alzò il pelo preparandosi a combattere, ma Pisolo indugiò perché non voleva affrontarlo. Alla fine, quello si stancò e riprese ad andare zoppicando. Il Rosso lo seguì e, passo dopo passo, si ritrovò nel quartiere dei gatti randagi.

Fu l’inferno poiché il tigrato e i due bastardi gli si avventarono contro. Non poté fare niente, si difese perché non era né pauroso né rammollito, ma i loro artigli lo colpivano ferendolo a ogni assalto. Il sangue prese a colargli dall’occhio destro e, quando i tre si stancarono di lui, Pisolo era veramente malconcio. Anche il suo cuore soffriva.

Tornò a casa dove la signorina Anita, spaventatissima, lo curò come se fosse il suo bambino. La ferita si rimarginò lasciandogli una cicatrice che gli deturpava solo leggermente il bellissimo muso dai lunghi baffi. Con quella ferita di guerra si sentiva più forte e decise di tornare al quartiere dei gatti randagi per farsi accettare.

E così fu. Anzi, Pisolo divenne qualcosa di più che uno di loro, perché in breve seppe superare la diffidenza del tigrato.
continua...
qui la prima parte
qui la seconda
qui la terza




permalink | inviato da il 10/4/2005 alle 15:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        maggio