.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

18 luglio 2005


Il piccolo cimitero di Mammiano, dove sono sepolti anche i miei genitori, è sdraiato sul fianco della collina.

Volge lo sguardo al paese e, in nessun altro luogo che conosco, la distanza tra i vivi e i morti è così breve.

Ogni volta che si levano gli occhi, il muro di pietre e il cancello circondati dai cipressi si stagliano nitidi e, al di là,  nei giorni limpidi come questi, s’intravedono le tombe.

Le più antiche stanno scomparendo e le pietre grigie con gli epitaffi incisi sono sostituite da quelle in marmo con le lettere in rilievo.

Ogni volta che vi faccio ritorno per un breve saluto, porto un fiore, sussurro una preghiera; quasi subito mi assale un sentimento indefinito che si mescola a una dolce malinconia.

Non è tristezza, ma nostalgia di quei volti che richiamano un tempo perduto.

Sorrisi strappati alla morte, occhi intensi, visi di uomini, di donne, anziani, giovani, anche qualche bambino; sono lì sotto quei cumuli di terra curati con amore e, per  l’illusione di un momento, ho la possibilità di toccarli.

Allungo la mano, li sfioro…Non ho memoria di tutti, ma molti di loro li ho conosciuti fin da quando ero bambina.

I ricordi s’affacciano incorenti l’uno dopo l’altro; oggi non è più oggi e le voci, mute per sempre, riprendono a parlare tutte insieme, ma io non riesco a sentire quello che raccontano.

E’ uno strano incantesimo che si scioglie in un pianto sommesso.




permalink | inviato da il 18/7/2005 alle 17:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        agosto