.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

4 agosto 2005

Margini.

Nel bosco, tra San Candido e Dobbiaco in Alta Pusteria, nasce la Drava. 
La
ripida sorgente si fa ruscello chiassoso, poi torrente e fiume; raggiunge il confine, attraversa la Carinzia, la Slovenia e la Croazia, gettandosi infine nel Danubio.

L’acqua cristallina, che sta scorrendo ai miei piedi, che raccolgo nelle mie mani a coppa, che bevo per dissetarmi, ha un destino lontano, il Mar Nero, che incontrerà dopo aver conosciuto paesi, popoli, lingue, religioni, culture antiche.

Un percorso che cerca somiglianze tra uomini divisi dalle vicende della storia. Spesso, nemici.

In questo legame di differenze sta il mistero di ogni fiume, e la Drava, che tra non molto scioglierà le sue acque in quelle del magnifico Danubio, sembra sussurrarlo incessantemente in questa splendida giornata di sole.

Non è possibile bagnarsi due volte nello stesso fiume, afferma Eraclito; l’identità individuale e di popolo è una conquista difficile e contrastata e, a volte, ai margini, si sfilaccia, lasciando filtrare qualcosa di diverso.

Allora s’insinua la paura, si lascia la strada per nascondersi, si fugge voltando le spalle…ma il fiume va avanti imperterrito, non arretra, affronta il presente e accoglie il suo futuro, portando con sé le tracce del passato.

 




permalink | inviato da il 4/8/2005 alle 17:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre