.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

11 agosto 2005

Sogni e cultura.

Sul Corriere della Sera di oggi, è apparso un bellissimo articolo di Hanif  Kureishi dal titolo I fanatici non si battono con festival e film esotici.

Lo scrittore, di padre pakistano e madre inglese, racconta la vita dei giovani musulmani inglesi, integralisti e intolleranti, che a differenza dei genitori, rifiutano di venire a patti con la Gran Bretagna.

Mi è anche capitato di essere invitato nelle case di giovani fondamentalisti. Uno di questi aveva origini simili alle mie: madre inglese, padre musulmano, cresciuto in una periferia tranquilla. Era sposato con una ragazza dello Yemen che non parlava inglese la quale, per servire il tè, entrava nella stanza camminando all’indietro e con la schiena curva per rispetto verso gli uomini. Gli uomini parlavano di partire per corsi di formazione da qualche parte, ma sembravano così docili ed educati che non avrei mai pensato che potessero uccidere qualcuno.

Quello che mi ha colpito di più nel suo scritto riguarda la negazione del dubbio e della possibilità di ogni discussione: tutta la Verità, per quei giovani musulmani, è rivelata nel Corano e al di là del Corano non c’è niente.

Ma questo, argomenta Kureishi, impedisce al pensiero, alla cultura di vivere e di arricchirsi nel reciproco incontro, e anche scontro, delle idee. Idee che sgorgano dai cuori  di uomini e donne; idee che trovano alimento nella gioia, nella sofferenza, nel desiderio, nel piacere, nella passione e che rendono l’esistenza possibile.

 
…l’intero carnevale della cultura nasce dal desiderio umano. Storie, sogni, poesie, disegni ci permettono di vivere un’esperienza estraniata di noi stessi. Sono anche il luogo in cui pensiamo a come dovremmo vivere.

 

Come non essere d’accordo?




permalink | inviato da il 11/8/2005 alle 17:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre