.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

12 ottobre 2005

Le divine pietanze.

Saperi e sapori delle tradizioni sefardita e askenazita si sono intrecciati nella cena ebraica proposta dall’Associazione Culturale QOL di Novellara, Reggio Emilia.

Una cena che è stata un’occasione per scoprire piatti sconosciuti, gusti inconsueti e per riflettere insieme al professore Giampaolo Anderlini sulle norme alimentari ebraiche.

 

Il cibo è un elemento fondamentale nella vita dell’uomo in quanto lo libera dalle esigenze del corpo, permettendogli di dedicarsi alla ricerca spirituale e conducendolo a Dio.

Nella Torà, data all’uomo sul monte Sinài, molti sono i precetti alimentari che separano coloro che li seguiranno dagli altri uomini. Questa separazione ha in sé il significato dell’appartenenza e conduce alla definizione dell’identità ebraica.

 

Seguire le numerose mitzvoth che distinguono il puro dall’impuro vuol dire percorrere un cammino di santità e di fedeltà che porta, boccone dopo boccone, a Dio.

Questi precetti non vanno sentiti come una limitazione della libertà umana, ma come una vicinanza alla volontà divina.

L’uomo può mangiare quasi tutti gli animali viventi sulla terra, nel cielo e nel mare, ma si deve astenere da alcuni.

Non serve a niente chiedersi perché alcuni animali sono considerati impuri: i precetti, infatti, assumono valore non in relazione al loro contenuto, ma perché sono ordini che vengono dalla bocca del Santo benedetto egli sia.

Le limitazioni alimentari rientrano nei 613 precetti che conducono a Dio lungo il percorso dell’obbedienza e del completo abbandono al suo volere; non è un cammino etico per il quale non ci sarebbe stato bisogno della rivelazione sul Sinài, ma un’assoluta fedeltà alla parola del Santo benedetto egli sia.




permalink | inviato da il 12/10/2005 alle 17:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre