.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

14 ottobre 2005

Verità e intelligenza.

La verità sfugge all’intelligenza dell’uomo, si nasconde, si camuffa. Allora che fare? Serve affannarsi a cercarla o è meglio attendere che si riveli nel tempo?

Martha von Bulow,sul letto d’agonia, se lo chiede.

La voracità con la quale consumiamo le cose del mondo ci spinge a seguire la prima via come se la verità fosse qualcosa di effimero. Ma  questa via che percorriamo sicuri di noi nasconde a ogni svolta intralci e trabocchetti tra i quali ci perdiamo.

Raggiungiamo la verità per poi scoprire che non è così limpida come l’avevamo immaginata. La troviamo guasta almeno in una sua parte e allora riprendiamo il cammino puntando gli occhi sul nuovo miraggio che luccica sull’orizzonte lontano. Senza un attimo di riposo, ci lanciamo alla sua rincorsa e così ancora chissà per quanti altri vani tentativi. Una procedura per prova ed errore che non ha sbocco e ci conduce in un vicolo cieco.

In sé è giusto cercare sempre la verità, non dimenticare mai che siamo nati per questo.

-         Fatti non foste a viver come bruti,

       ma per seguire virtute e canoscenza –


così incita i suoi uomini l’Ulisse dantesco.


E’ giusto cadere e rialzarsi, magari per poi ricadere di nuovo, ma questo faticoso modo di procedere non deve essere fino a se stesso e non deve esaurirsi in una fredda apparenza.

Forse, qualche volta è meglio fermarsi, fare sì che l’intelligenza si ripieghi su se stessa e ritrovi la sua forza smarrita.
Per riprendere il cammino.




permalink | inviato da il 14/10/2005 alle 22:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre