.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
1visite.

31 ottobre 2005

The Interpreter di Sydney Pollack

          

Silvia Broome ha un passato di dolore alle spalle.

Ora è interprete all’ONU, e, per caso, ascolta una conversazione, quasi un bisbiglio, in cui si minaccia l’uccisione del Presidente Zuwanie del Matobo quando, da lì a pochi giorni, parlerà all’Assemblea Generale.

Zuwanie è un feroce dittatore che ha tolto la libertà e la dignità al suo Paese dopo una breve stagione di speranza. Vuole tenere un discorso pieno di promesse ingannevoli con il quale conquistare ancora una volta il consenso del mondo.

Molti sono i suoi nemici, tanti gli esuli costretti a rifugiarsi lontano e tra di loro potrebbe veramente nascondersi l’attentatore.

Silvia Broome, figlia di un africano bianco e di un’inglese, ha vissuto a lungo nel Matobo e conosce personalmente la violenza di Zuwanie, sa che il dittatore nero e i suoi uomini sono sanguinari e corrotti.

Tuttavia, già da alcuni anni ha deciso di non perseguire la strada della vendetta, abbandonando il Paese, dopo l’assassinio dei suoi genitori e della sorella.

E’ convinta che solo il perdono dia ad ogni essere umano la possibilità di guardare avanti e di costruire il futuro:

Quando qualcuno viene ucciso, si fa una grande festa sul fiume e, poi, al sorgere dell’alba, l’assassino viene legato e lasciato in mezzo alla corrente. I familiari della vittima possono lasciarlo affogare o gettarsi nelle acque e salvarlo. Se lo lasciano morire ottengono giustizia, ma chiudono i propri cuori alla vita…

e così quando scopre che Zuwanie è in pericolo, non esita a rivelarlo ai Servizi di Sicurezza.

Ma la realtà delle cose è ancora più orribile e piena di sofferenza di quella che appare.

A poco a poco, la consapevolezza che Zuwanie è un uomo incapace di redenzione, la induce a un passo estremo che la porta sull’orlo del baratro.

Solo a stento riesce a ritrarsi dal compiere quel gesto di violenza che mai avrebbe potuto ricomporre il suo e il nostro mondo.

  

 

 




permalink | inviato da il 31/10/2005 alle 17:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre