.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
626849visite.

12 novembre 2005

Simon.

                           

L’uomo dalla faccia gialla è Simon, è il destino inconoscibile che ha trovato un piccolo pertugio nelle pieghe del tempo e si è manifestato nella terza fotografia istantanea della striscia di quattro: quattro foto per due sterline e 50.

Ma Simon non può saperlo, ha solo tredici anni e quando si è seduto nella cabina metallica con la luce vivida che brilla oltre le pareti di plastica voleva soltanto spendere gli ultimi soldi che la mamma gli aveva dato per quella sua breve vacanza a York in compagnia degli zii Peter e Anne.

Quel volto giallo, quella pelle che ricade intorno al collo e al mento come un sacchetto di carta raggrinzito, quegli occhi azzurri infossati, quella fronte grinzosa ricoperta da capelli grigi e flosci gli mettono i brividi, ma non hanno una spiegazione.

Forse, la macchina delle foto istantanee è rotta e gli ha restituito l’immagine della faccia di un altro.

Forse.

Ma perché la terza della striscia e non la prima?

Sul primo binario della vecchia stazione di York è in arrivo il treno che lo riporterà a Londra e lo zio Peter è già pronto con i bagagli. Non c’è tempo da perdere e, sebbene ora Simon sia inquieto perché in qualche modo sente che è in pericolo - che quella faccia gialla non è uno stupido errore – gli zii lo costringono a salire: i posti sono prenotati e la mamma li aspetta al loro arrivo.

Così Simon va tragicamente incontro al suo destino, proprio su quel treno, a quel se stesso che rompendo il percorso lineare del tempo gli si è presentato, senza svelarsi veramente, in una foto fatta per caso.

Anthony Horowitz, L'uomo dalla faccia gialla




permalink | inviato da il 12/11/2005 alle 13:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre