.

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
435093visite.

14 marzo 2005

Il sogno di mia madre di Alice Munro.

Eravamo mostri l’una per l’altra. Io e Jill.

Chi narra è la figlia neonata di Jill. Straordinariamente, conosciamo la loro storia attraverso le parole di una bambina di pochi giorni di cui non sappiamo il nome.

Una storia che si arricchisce di altre figure femminili, in particolare quelle delle zie Iona e Ailsa, preziose nel rappresentare il mistero inconoscibile che avvolge l’esistenza e i segreti che ognuno porta chiusi dentro di sé.

Jill è una giovane donna che ama suonare il violino senza avere una dote particolare per la musica: Sapeva di non essere una grande violinista, di non avere alcun dono miracoloso, né destino segnato…

Sposa George Kirkham che muore qualche mese dopo saltando in aria durante un volo di addestramento sopra il mare d’Irlanda. Sola, in attesa di un bambino, accetta di andare a vivere con la famiglia di George: La mia è una famiglia di matti, - le aveva detto George. – Iona è un disastro e Aisla doveva fare il sergente maggiore. Mia madre invece è arteriosclerotica.

Ma  Jill non sa come si vive in una famiglia. Senza genitori, dall’età di sei anni ha sempre vissuto in orfanotrofio e, sebbene le due sorelle di George abbiano un’aria più normale di quello che Jill si aspettava, non le è facile condividere i suoi giorni con loro.

Tutto sembra complicarsi quando, con in po’ d’anticipo e proprio nel mezzo della cerimonia in memoria di George, Jill ha le doglie del parto e dà alla luce una bambina.

Come sappiamo dalla sua stessa voce, la piccola si affeziona a Iona e non sopporta che nessun altro la tocchi. Se sua madre le si avvicina, tenta di prenderla in braccio, di darle il suo seno, la bambina comincia a piangere.

Non avevo momenti buoni e momenti cattivi. Avevo i momenti con Iona e i momenti senza Iona che potevano diventare – ah, sempre peggio –  i momenti con gli altri, soprattutto con Jill.

Il sogno di mia madre racconta la difficoltà di essere donna, madre, figlia descrivendo l’incapacità di Jill di accostarsi a quella bambina. Come se la naturalezza del legame tra madre e figlia non fosse cresciuto nel suo grembo. In modo bizzarro, la neonata sente questo distacco e sceglie dispoticamente la zia Iona, non lasciando a Jill alcuna possibilità.

Quando, una domenica, Iona accompagna Ailsa e la madre in visita da alcuni parenti la distanza che le separa si rivela in tutta la sua interezza… quella che seguì sarebbe stata la giornata più lunga e peggiore nella vita di Jill.

Ma è proprio dal dramma sfiorato che nasce la consapevolezza che sono una madre e una figlia e che non possono fare a meno l’una dell’altra.

In quelle ore disperate nelle quali il destino si dimostra benevolo, l’ordine delle cose riprende misteriosamente il sopravvento e la natura femminile, finalmente accolta da ambedue le parti, si dimostra più forte scegliendo la sopravvivenza alla vittoria.

 




permalink | inviato da il 14/3/2005 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile