.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Diario
626896visite.

6 aprile 2005

Lenin il Rosso.


Lenin il rosso è un gatto rivoluzionario.

Nel viale alberato, sul quale si affacciano le case più signorili di tutto il quartiere, vere dimore del secolo scorso circondate da giardini e chiuse da alti cancelli in ferro battuto, tutti lo conoscono. E’ un tipo bizzarro che si distingue dagli altri gatti che trascorrono la loro placida vita tra coccole e bocconcini di carne.

Anche Lenin vive in una di quelle ville ed è affezionato alla sua vecchia padrona, la signorina Anita che lo  raccolse molti anni fa, togliendolo dalla strada.

Il Rosso ricorda bene quella mattina di Ottobre, quando qualcuno lo strappò dall’abbraccio di sua madre e lo abbandonò su un marciapiede.

Sarebbe senz’altro finito male, se la signorina Anita non fosse passata di lì al ritorno dalla sua passeggiata, poco prima di pranzo. Lo sentì miagolare, lo scorse impaurito tra le foglie e, senza pensarci troppo, lo portò con sé accarezzandolo dolcemente sulla testina .

Da allora vive da vero re della casa. Ha la sua cuccia piena di morbidi cuscini, ma può scorrazzare a suo piacimento da una stanza all’altra e mangia a volontà. La signorina Anita lo chiama Pisolo perché i primi giorni nella nuova casa non faceva altro che dormire, ma a lui quel nome non piace. Da tempo ha scoperto che appartiene a un nano di una ridicola fiaba e non ne è per niente soddisfatto. Ma la sua padrona e le sue nipotine lo trovano un nome adatto anche ora che è diventato robusto, sveglio e vivace.
continua...




permalink | inviato da il 6/4/2005 alle 15:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        maggio