.
Annunci online

 
nuvolediparole 
incontri in libertà
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Giulia
squilibri
nuvolebarocche
Milano Valencia. Andata e Ritorno.
fulmini e saette
malainformazione
apocal
Luca Martini
van
watergate
clelia
stefania
esperimento
liberaliperIsraele
barbara
ilsignoredeglianelli
harry
fort
herakleitos
brucaliffo
carlomenegante
panther
stilgar
fuoridalghetto
a.
*VicL*
ilmestierediscrivere
travel
currenti calamo
matilde
...mangino brioches...

Daniele
luxuslinguae
Incipit di Giorgio Levi
ex 2twins
iranian
sharon
Camillo
italianblogsforfreedom
blog sull'ebraismo
insegnareascrivere
arsenicosplinder
nonsoloproust
Israele
trentanni
Informazione corretta
Egypt
lager
Carlo Panella
oz oz
fuoridalghetto
Tblog
debka file
The New York Times
tonibaruch
jericho
L'albero di Anna Frank
emiliaparanoica
deborahfait
diogene
sbloggata
ecarta
Bacco
ombralunare
ape
cambiareasinistra
devor
  cerca

Starbooks





Sto leggendo:
   
" Doppio nodo "

di J. C. Oates
    

 



 

 

 

 

















 

 
   
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 

Diario | Libri | Citazioni | Cinema | Appunti | Freudiana | Percorsi di pensiero | Judaica | Racconti. |
 
Racconti.
1visite.

12 luglio 2005

Attesa.

Le piace l’ora sospesa di metà pomeriggio, quando, dietro le persiane socchiuse, il mondo sembra svanire.

La penombra invade quieta la casa e Clara vaga da una stanza all’altra nel silenzio assoluto. La sua figura si affaccia indefinita nello specchio in fondo al corridoio ogni volta che lo attraversa per raggiungere la cucina o la sala;  se si avvicina furtivamente, i contorni prendono una solida consistenza e il volto e il corpo le si rivelano come se fosse la prima volta.

Nell’anta destra dell'armadio si riflette una donna che non ha più speranze da spendere ma che, con quel suo modo caparbio, non ha chiuso del tutto la porta alla vita.

Per questo, l’ora pomeridiana le è così affine: il giorno sta andando verso il suo tramonto, ma il sole splende ancora.

Allora perché quelle persiane chiuse? 

Ma non lo sono; Clara le tiene socchiuse e qualcosa trapela dall’esterno.

Anche quel silenzio assoluto non esiste, perché, di tanto in tanto, dalla strada giunge qualche suono: il rumore di un motorino, l’accelerazione di un auto lungo il viale, il bisticcio di alcuni bambini.

Attraverso le stecche delle persiane, osserva la via quasi deserta e quel modo di vedere obliquo l’affascina. Può scorgere solo una piccola porzione del marciapiede di fronte e della vetrina del negozio di cornici non legge l’insegna.

Dovrebbe salire su una sedia o, almeno, issarsi sulle punte dei piedi, ma non le va. 

Si distacca dalla finestra così che il mondo rimane fuori: non ha voglia d’incontrarlo e neppure di sfiorarlo, non ancora. Le lancette dell’orologio sono  a poco più di metà del loro giro, tra le quattro e le cinque, e non c’è motivo di affrettarsi.




permalink | inviato da il 12/7/2005 alle 18:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        gennaio