Blog: http://nuvolediparole.ilcannocchiale.it

A chi spetta il potere?

Sulla base di quale autorità un uomo può comandare, imporre ad altri la propria volontà?

E’ stato questo l’argomento che ho affrontato questa mattina con i miei ragazzini.

Il potere nasce dal basso o proviene dall’alto?

Questione fondamentale nell’ambito delle vicende medievali.
La risposta teocratica, che vede nel potere del papa il potere dominante a cui anche l’imperatore deve sottomettersi, si afferma tra il V e il XIII secolo, poi entra lentamente in crisi.

Una delle voci di questa svolta di pensiero è quella di Marsilio da Padova, le cui parole hanno un suono di forte verità anche oggi.

Non vi è alcuna prova che Dio voglia anche un potere sulla Terra. Lo Stato è un tutto unico e non deve dipendere da un’altra autorità, sia essa pure la Chiesa di Dio […] Chi appartiene allo Stato è il cittadino e non importa nulla che quel cittadino sia o non sia cristiano e credente, perché ai cittadini non spetta di occuparsi dell’aldilà, ma delle proprie faccende terrene.

 

da  Il difensore della pace,  Marsilio da Padova.

Pubblicato il 7/10/2005 alle 22.18 nella rubrica Percorsi di pensiero.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web