Blog: http://nuvolediparole.ilcannocchiale.it

Gli ebrei hanno sei dita di Anna Colombo


Ho appena terminato di leggere Gli ebrei hanno sei dita di Anna Colombo.
Anna, nata ad Alessandria nel 1909, ha trascorso la sua lunga vita - una vita lunga un secolo - amando teneramente il figlio Rimmon, dedicandosi con passione all'insegnamento, alla causa sionista.
Ha vissuto a Genova, poi, per amore di Arthur, in Romania durante il nazismo e per molti anni sotto il comunismo, a Milano e infine in Israele.
Nel libro racconta con una prosa antica le vicende personali e familiari negli anni più tragici del Novecento: i suoi genitori, suo fratello e altri familiari sono stati vittime della ferocia di Auschwitz.
Guarda negli occhi l'infamia, la codardia, l'arroganza, la corruzione delle dittature a cui ha sempre cercato di resistere con integrità e dignità salvando la sua libertà interiore e ritrae l'Italia del secondo dopoguerra – l'Italia democristiana – cogliendone le tante contraddizioni.
Riflette sull'antisemitismo, grossolano o sottile, che da sempre serpeggia in Italia e in Europa, sia a destra sia a sinistra La sua penna colpisce con decisione, fa nomi e cognomi, non si tira indietro, ma sempre con una sorta di attenzione e di garbo.
Una buona lettura.

Pubblicato il 31/12/2005 alle 14.30 nella rubrica Libri.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web